CECE: Niklas Nillroth succede a Enrico Prandini come nuovo Presidente

CECE: Niklas Nillroth succede a Enrico Prandini come nuovo Presidente

A far data dal 1 gennaio, Niklas Nillroth è il nuovo Presidente del CECE.

Prende il posto di Enrico Prandini (di Unacea e Komatsu), secondo la logica dell'alternanza biennale della carica, che riguarda a rotazione tutte le associazioni che rappresentano i Paesi membri.

Niklas Nillroth presiede la SACE (l'associazione svedese del Construction Equipment) ed è Vice President Sustainability & Public Affairs della Volvo Construction Equipment.

Nel corso della sua esperienza in Volvo CE Nillroth ha acquisito una vasta esperienza manageriale, gestendo diverse aree quali purchasing & supply management, product development, change & project management, nonché management generale.

"Da Presidente del CECE presterò particolare attenzione al tema della sostenibilità nel settore Construction. Un focus particolare riguarderà la riduzione delle emissioni e le iniziative messe in atto dalle autorità e dal resto dell'industria", ha dichiarato Nillroth.

E' proprio questo il tema centrale di questa fase per CECE, in particolare per quanto riguarda l'impatto positivo che le nuove macchine possono avere sul miglioramento della qualità dell'aria che respiriamo.

"Ciò che ancora manca - e che quindi voglio promuovere in modo particolare - è l'attenzione verso i fattori che possano rendere queste tecnologie di appeal per la maggioranza dei clienti e degli utilizzatori finali nell'industria del Construction", ha aggiunto il nuovo Presidente.

Nillroth proseguirà con la strategia di lungo termine dei suoi precedessori, in merito alla transizione verso l'era digitale, così da facilitare la compabilità e l'interoperabilità di prodotti e procssi.

Le innovazioni abilitanti saranno inoltre il tema del congresso CECE di quest'anno, che si svolgerà a Stoccolma dal 7 al 9 ottobre.

Tra gli impegni centrali per il nuovo Presidente del CECE figura anche la "regulatory agenda" dell'Unione Europea.

La Commissione nel corso del 2020 proporrà un terzetto di norme-chiave, quali la direttiva sulle macchine, quella sull'impatto acustico e le nuove regole sulla circolazione stradale delle macchine off-highway.

"Diversi gruppi di esperti del CECE stanno lavorando per mettere in comune le loro competenze, così da contribuire a un processo decisionale adeguatamente informato da parte dell'UE. Seguendo la strada tracciata da Enrico Prandini, il CECE si impegnerà per rafforzare ulteriormente il profilo pubblico del settore del Construction Equipment a livello europeo, evidenziandone l'importanza per l'economia e in generale per la società", ha aggiunto Nillroth.