CTE

CTE B-LIFT 510 HR

CTE B-LIFT 510 HR Piattaforme aeree CTE

Caratterizzata da un design compatto unito ad una tecnologia di ultimissima generazione, la piattaforma aerea autocarrata CTE B-LIFT 510 HR è la soluzione ideale per operare in ambiti in cui sono richieste prestazioni di eccellenza. Il design di CTE B-LIFT 510 HR è stato studiato per consentire l’accesso e il transito anche in spazi ristretti grazie all’estrema compattezza.
In base alla configurazione della stabilizzazione, il sistema calcola automaticamente le diverse aree di lavoro consentendo all’operatore di lavorare sempre in posizione ergonomica. Gli stabilizzatori telescopici consentono di raggiungere prestazioni di sbraccio migliori garantendo la massima stabilità. Il JIB secondario è provvisto di articolazione a 180° con sistema di controllo e gestione indipendente per offrire un’ampia gamma di manovre.
La navicella in alluminio misura 2400x900x1100 millimetri, con l’estensione idraulica arriva a 3600 mm e porta fino a 600 kg. Può ruotare ± 90° e grazie alla funzione opzionale “rotazione navicella reversibile” la CTE B-LIFT 510 HR può essere utilizzata per lavori di manutenzione sottoponte. Lo sbraccio della CTE B-LIFT 510 HR, in funzione del carico selezionato in navicella e della condizione di stabilizzazione, consente di arrivare all’obiettivo con estrema precisione ed alla massima portata.
Lo stesso layout della console comandi in torretta e navicella facilitano l’operatore nella movimentazione o verifica della macchina. Il design del braccio e l’impiego di acciaio ad elevata resistenza garantiscono piena stabilità dell’operatore in navicella.
Nella gamma CTE B-LIFT, il cilindro di sfilo, gli impianti elettrici e idraulici sono all’interno del braccio, protetti da agenti atmosferici e detriti. L’impianto elettrico e le catenarie alloggiate all’interno del braccio sono al riparo dal rischio di impigliarsi ad altri elementi in fase di lavoro.
Manovre precise e sicure grazie all’inclinazione della cabina orientabile, che consente il controllo anche visivo delle operazioni. Frutto di uno studio di ergonomia, completa e con display, la workstation nella torretta offre all’operatore una postazione protetta dagli agenti atmosferici.



Foto