Italia deferita alla Corte di giustizia - Buia (ANCE): i debiti della P.A. sono drammatici

Italia deferita alla Corte di giustizia - Buia (ANCE): i debiti della P.A. sono drammatici - Onsite news.

Gabriele Buia, Presidente di ANCE, ha commentato così la decisione della Commissione UE di deferire l'Italia alla Corte di giustizia europea per i ritardi sistematici dei pagamenti alle imprese da parte della pubblica amministrazione: “Nonostante gli sforzi fatti dal Governo in questi ultimi anni, la situazione dei pagamenti è ancora drammatica. Dopo tre anni ancora non ci sono dati certi su quanto ammonti questa incredibile mole di debiti pubblici”.

 

La decisione presa a Bruxelles rappresenta il terzo e ultimo avvertimento delle istituzioni europee nei confronti dell'Italia nostro, dopo che nel 2014, anche su segnalazione di ANCE, fu aperta la prima procedura d'infrazione.

 

La direttiva UE impegna le pubbliche amministrazioni a pagare merci e servizi entro 30 giorni o, solo in casi eccezionali, entro 60 giorni dal ricevimento della relativa fattura. “A più di tre anni dall'avvio della procedura di infrazione”, sottolineano invece a Bruxelles, “le amministrazioni pubbliche italiane necessitano ancora in media di 100 giorni per saldare le loro fatture, con picchi che possono essere nettamente superiori".

 

Il Presidente dell'Europarlamento, l'italiano Antonio Tajani, ha commentato così la decisione presa: “Era inevitabile. L'Italia ha fatto di tutto per non rispettare le regole". 

 

Anche nel 2013, quando Bruxelles ha concesso "di sforare il patto di stabilità per pagare i creditori della Pubblica amministrazione, questa opportunità non è stata utilizzata", ha aggiunto Tajani, auspicando un rapido cambiamento di rotta.

 

ANCE: NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI, SPLIT PAYMENT OLTRE I 5 MESI DI MEDIA

 

Il settore delle costruzioni soffre in maniera particolare questa situazione, con medie di ritardo che, come spiegato da ANCE, “vanno ben al di là di quelle già segnalate dall'UE”. 

 

“I nostri ultimi dati aggiornati ci dicono che qualche miglioramento c'è stato, ma siamo ancora nella media di 5 mesi di ritardo, inaccettabile per imprese già stremate dalla crisi e a corto di liquidità anche per effetto del meccanismo dello split payment”, conclude l'associazione nazionale dei costruttori edili.

 

  • DEMCON

    FiereSollentuna (Svezia) dal 27/09/2018 al 28/09/2018

  • SAIE

    FiereBologna (Italia) dal 01/10/2018 al 15/10/2018

  • GEOFLUID

    FierePiacenza (Italia) dal 03/10/2018 al 06/10/2018

  • EIMA

    FiereBologna (Italia) dal 01/11/2018 al 15/11/2018