Kobelco Construction Machinery espande le attività in Italia

Kobelco Construction Machinery Europe B.V. (KCME) espande le attività in Italia

Sebbene il 2020 non sia stato un anno ordinario, Kobelco Construction Machinery Europe B.V. (KCME) ha lavorato strenuamente per continuare a cogliere le opportunità di crescita nei principali mercati europei.

 

Considerando tutto ciò, il fabbricante giapponese ha annunciato l'espansione delle attività in Italia, inclusa l'aggiunta di un nuovo concessionario, EMAC, e l'espansione della rete di concessionari esistenti nelle nuove regioni.

 

Kobelco è approdata per la prima volta in Italia nel 2016 a seguito dell'aumento nella domanda di miniescavatori e macchine pesanti e negli ultimi quattro anni ha aumentato la sua copertura nella penisola e più recentemente in Sicilia e in Sardegna. Nonostante il difficile inizio del 2020 con lo scoppio della pandemia globale da Covid-19, le attività in Italia si sono adesso stabilizzate e il Governo è concentrato sulla ricostruzione delle infrastrutture come parte del recovery plan. Pertanto la necessità di macchine da costruzione in Italia è aumentata notevolmente, con requisiti specifici per la costruzione di ponti e tunnel, oltre che per la manutenzione dei porti del paese.

All'inizio del 2021, KCME considera l'Italia come uno dei mercati più importanti per gli escavatori, unitamente a Germania, Francia e Regno Unito. Grazie alle elevate prestazioni e al basso consumo di carburante, la richiesta degli escavatori Kobelco è molto elevata e in particolare si prevede una crescita della richiesta di macchine pesanti, inclusa la demolizione. All'altra estremità della gamma, l'Italia è un mercato strategico per i miniescavatori Kobelco e a metà gamma è presente una richiesta significativa per il modello SK140SRLC-7 nel Nord Est d'Italia, dove si prevede l'utilizzo di 35-40 unità nei cantieri entro la fine di giugno. Anche i modelli SK210SNLC-10E e SK240SN-10E rimangono macchine popolari per la regione alpina grazie ai sottocarri molto stretti.