Locatelli Crane guarda al futuro

Locatelli Crane presenta la nuova TCL 40.35

Il nome Locatelli non ha bisogno di presentazioni: fondata nel 1954, l'azienda bergamasca ha saputo dotarsi di una reputazione di leader tecnologico sul mercato nazionale e internazionale e si è sempre imposta come protagonista autorevole nel settore delle autogrù fuoristrada e fuoristrada veloci. Una storia fatto di impegno, di successi e di progresso tecnologico, caratterizzata da una crescita costante, realizzata passo dopo passo, cliente dopo cliente. Questo anche – e soprattutto – dopo le note difficoltà attraversate nel recente passato, che sono però state affrontate con determinazione, fino a garantirsi una nuova (solida) proprietà, che ha garantito una ripartenza in ogni ambito di applicazione e che si sta manifestando tramite una serie mirata di attività: da un nuovo sito internet a una massiccia attività SEO, dall'utilizzo dei social media e importanti investimenti in fiere internazionali di settore. Il tutto, anche grazie allo sviluppo e al consolidamento di un rinnovato network commerciale - costituito da agenti e dealer nazionali e internazionali, consulenti e service point - e a investimenti destinati a nuove figure chiave in azienda: back-office commerciale, ufficio ricambi, ufficio tecnico, ricerca e sviluppo, nuovi software 3D e nuovi prodotti.

Tutto ciò è stato ribadito dai responsabili dell'azienda di Mapello (Bg) in occasione di un recente dealer meeting, durante il quale il presidente Vittorio Lumina, l'amministrazione delegato Mauro Nastati e il Sales Manager Michele Mortarino hanno presentato un'importante e strategica novità di casa Locatelli Crane: "Dopo aver riscontrato un grande successo a Intermat 2018 con il lancio della gru fuoristrada RT GRIL 52.47 da 52 t (dove abbiamo registrato circa 500 visitatori, di cui 90 francesi e durante il quale abbiamo venduto nove unità), in occasione del Bauma 2019 presenteremo in anteprima un prodotto nuovo, la nuova Truck Mounted Crane TCL 40.35 da 35 t. Si tratta di un grande passo per la nostra azienda, che di fatto rientra in un settore abbandonato negli anni Ottanta e oggi ritornato in auge in molte aree geografiche, dove i più grandi competitor internazionali si sfidano a colpi di novità. Quelli appena trascorsi sono stati anni difficoltosi, ma è una soddisfazione poter continuare la tradizione e l'attività di Locatelli Crane a testa alta. La nuova proprietà ci ha messo risorse e passione e oggi riusciamo ad avere la flessibilità e il dinamismo di un'azienda familiare con alle spalle le finanze di un gruppo estremamente solido".

Le novità 2019/2020
La novità che Locatelli Crane presenterà al Bauma di Monaco è la nuova Truck Mounted Crane TCL 40.35. Si tratta di una macchina da 35 t  di portata massima (a 2,5 m), con braccio da 32,1 m di lunghezza. Caratterizzato da una stabilizzazione ad “H” (l'apertura degli stabilizzatori è di 5,6 x 5,8 m), questo modello si caratterizza per un contrappeso di 1,5 t (3,5 t con zavorra aggiuntiva), un truck Mercedes Arocs 2632 L 6x4, una massa legale (accessori esclusi) di 26 t e una massa tecnica di 28 t, nonché per i tre assi, il passo da 4,2 m, il motore Euro VI da 7,7 l (320 HP di potenza a 1.300 Nm) e dalla velocità massima raggiungibile di 90 km/h.

Ma non è tutto, perché tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020 alla TCL 40.35 si aggiungerà un secondo modello, la nuova Truck Mounted Crane TCL 55.50 da 50 t di portata (a 3 m). Con un braccio da 37,2 m, questa versione presenterà una massa legale di 32 t, una massa tecnica di 37 t, quattro assi, un passo di 4,85 m, un motore Euro VI da 10,7 l (428 HP a 2.100 Nm), un contrappeso da 3,5 t (8,8 t con zavorre aggiuntive) e un truck Mercedes Arocs 3243 LK 8x4/4. Comune al TCL 40.35 sarà la velocità massima raggiungibile e la stabilizzazione ad “H” (in questo caso l'apertura degli stabilizzatori sarà di 6,6 x 6,6 m).