Panolin nella Fluid Rating List di Bosch Rexroth

Panolin nella Fluid Rating List di Bosch Rexroth
 - E.C.O. Italia - Onsite news.

Panolin HLP SYNTH 32 è il primo (e per ora l'unico) fluido idraulico ecologico a essere entrata nella Fluid Rating List RDE 90235 di Bosch Rexroth.

Abbiamo nuovamente provato che i nostri prodotti biodegradabili, come Panolin HLP SYNTH 32, soddisfano i requisiti più alti dell'industria”, ha dichiarato Patrick Lämmle, presidente dell'assemblea dei direttori di Panolin International, il quale ha aggiunto che “i risultati del test di Bosch Rexroth sono stati eccellenti e i requisiti rigorosi della RDE 90235 sono stati soddisfatti senza ombra di dubbio. Panolin HLP SYNTH è il primo olio idraulico rapidamente biodegradabile che ottiene il Fluid Rating (ISO 15380 in combinazione con il test RFT-APU-CL). HLP SYNTH 32 ha dimostrato la propria posizione di rilievo mondiale tra gli oli idraulici ecologici. Circa 20 anni fa HLP SYNTH è stato il primo olio idraulico a ottenere la certificazione ambientale di prodotto ‘Blauer Angel' e ha già ricevuto l'approvazione di numerosi produttori. La sua inclusione nell'elenco di Bosch Rexroth significa che HLP SYNTH ora può portare il marchio di quello che è attualmente il test OEM più rigoroso sul mercato”.

Negli ultimi anni abbiamo visto un forte aumento dei requisiti che devono essere soddisfatti dagli oli idraulici. La crescente densità di potenza – il risultato dell'aumento delle pressioni di lavoro, della velocità del motore, dei cicli di circolazione e della temperatura dell'olio - ha spinto negli ultimi anni lo sviluppo di sistemi idraulici verso requisiti sempre più stringenti sui liquidi idraulici utilizzati in questi sistemi. Questi liquidi hanno, tra l'altro, un impatto decisivo sulle caratteristiche di attrito dei componenti idraulici. Lo sviluppo tecnico continuo di sistemi idraulici ad alte prestazioni e l'idoneità di nuovi supporti idraulici e additivi sono solo parzialmente riflessi nelle prove comunemente utilizzate finora. Mentre negli anni Settanta la densità di potenza specifica era da 4 a 5 KW/kg circa di peso della pompa, questa cifra nel 2010 era quasi raddoppiata, a oltre 8 KW/kg. I fluidi idraulici di oggi devono essere attentamente progettati per far fronte a questi sviluppi, vale a dire piccole unità di pompa con una potenza superiore e una gamma di altre modifiche al sistema idraulico finalizzate al miglioramento dell'efficienza.

Naturalmente sia la DIN 51524 T.3 per gli oli minerali che la ISO 15380 per gli oli biodegradabili richiedono di superare un test di pompaggio per dimostrare di possedere dei requisiti minimi ma questi test, appunto, non sono che questo: dei requisiti minimi”, ha spiegato Lämmle, che ha aggiunto: “Di fatto, più di un fluido idraulico che rispetta gli standard DIN 51524 T.3 o ISO 15380 fallisce nell'uso pratico con impianti di nuova generazione perché non raggiunge i requisiti dello ‘stato dell'arte' dei sistemi idraulici, come pressione più alta, minori tempi di circolazione, serbatoio più piccoli e tempi di riposo ridotti'. Questo è il motivo per cui, in anni recenti, Bosch Rexroth ha prodotto una procedura di valutazione neutrale sviluppata per riflettere realisticamente gli attuali requisiti”.

I fluidi idraulici che superano positivamente questa procedura sono inclusi nella Bosch Rexroth Fluid Rating List. Questa nuova procedura di valutazione, scientificamente standardizzata, è sviluppata per testare le caratteristiche del fluido e la sua interazione con i componenti chiave, quali pompa e motore, in condizioni operative realistiche. Tra l'altro, il test include la verifica del rating tecnico del fluido per accuratezza e conformità allo standard. Un test pompa-motore orientato all'applicazione, oltre a una prova specifica delle tenute, fa passare i fluidi, attraverso diverse fasi, in condizioni difficili e cicli variabili su diverse centinaia di ore di esercizio, sia alle alte temperature che in condizioni di bassa viscosità. Le prove convenzionali sono condotte a 350 bar, il nuovo test richiede fino a 500 bar. La qualità dell'olio idraulico ha quindi un impatto sempre più importante sulla vita utile e l'affidabilità dei sistemi idraulici.

"Ciò dimostra che continuiamo a fissare lo standard industriale nel campo degli oli idraulici rapidamente biodegradabili. Gli utenti di HLP SYNTH hanno la tranquillità di sapere che questi oli riducono i costi di manutenzione e i tempi di inattività dei propri macchinari e impianti aumentando l'affidabilità operativa, garantendo così una significativa riduzione dei costi operativi totali”, ha concluso Lämmle.