Un'autogrù Demag AC 160-5 solleva uno scambiatore di calore da 7,2 t a Torino

Un'autogrù Demag AC 160-5 multistrada è stata utilizzata con successo da Calabrese Autogru nel centro di Torino

Le metropoli italiane sono famose per i loro centri pittoreschi, con viuzze strette e tortuose, ma ciò che delizia i turisti può rivelarsi un vero incubo per chi deve operare con macchine di grandi dimensioni come quelle necessarie al sollevamento di uno scambiatore di calore nel centro di Torino.

Per il sollevamento in questione serviva pertanto una gru compatta e prestante. L'azienda specializzata in sollevamenti pesanti incaricata, Calabrese Autogru ha quindi optato per la autogru Demag AC 160-5 multistrada.

"La gru AC 160-5 è stata la sola che abbiamo considerato per questo lavoro; non conosco nessun altro modello in questa categoria che avrebbe potuto operare meglio nel poco spazio disponibile", sottolinea l'amministratore delegato, Alessandro Calabrese. "Accedere al cantiere era già un problema: nonostante la richiesta del divieto di parcheggio diversi veicoli si trovavano comunque in sosta vietata, riducendo così la larghezza della sezione utile di passaggio a meno di 3 m. La maggior parte delle autogrù di questa categoria si sarebbero fermate qui, non l'autogru Demag AC 160-5. Con una larghezza totale di soli 2,75 m e grazie l'abilità dell'operatore è stato possibile manovrarla tra i veicoli parcheggiati, fino a raggiungere l'area di interventoLa lunghezza di 68 m del braccio telescopico ha reso superflua l'installazione di una prolunga aggiuntiva".

Giunta sul posto, l'autogrù Demag AC 160-5 ha potuto sfruttare appieno questo notevole vantaggio: grazie al braccio telescopico di 68 m, la gru ha potuto eseguire immediatamente il sollevamento, senza bisogno di un'estensione supplementare del braccio. "L'installazione di una prolunga sarebbe stata complessa e dispendiosa sia in termini di tempo in una via stretta, per non parlare dei notevoli costi aggiuntivi che avrebbe comportato. L'autogru AC 160-5 ha potuto evitare tutto questo", spiega Alessandro Calabrese. Verrebbe quindi da pensare che nulla poteva realmente ostacolare il sollevamento dello scambiatore di calore da 7,2 t.

Ciò nonostante, il team Calabrese si è trovato dinanzi ad una nuova, delicata sfida nel centro città: "Il bozzello e le funi aggiungevano un'altra tonnellata al peso del carico, pertanto il peso lordo che la gru AC 160-5 doveva sollevare era 8,2 t", spiega Alessandro Calabrese. "In circostanze normali, ciò non avrebbe rappresentato un problema per una macchina di questa categoria, ma nella stretta via di Torino le cose erano un po' diverse: qui per la autogrù AC 160-5 era difficile, se non addirittura impossibile, estendere gli stabilizzatori a causa delle auto parcheggiate. Inoltre, il marciapiede non era utilizzabile come supporto d'appoggio, poiché presenti intercapedini le cui capacità portanti risultavano inadeguate a supportare la pressione trasmessa al suolo dagli stabilizzatori. Abbiamo potuto estendere gli stabilizzatori solo parzialmente, in modo asimmetrico. Se siamo riusciti a portare a termine il sollevamento in sicurezza è anche grazie al sistema di comando gru IC-1 Plus, che ha calcolato con precisione il carico massimo possibile, prendendo in considerazione tutti i fattori rilevanti prima di consentire il sollevamento".

L'autogru Demag AC 160-5 è stata in grado di sollevare lo scambiatore di calore da 7,2 t con il braccio telescopico completamente esteso (raggio di lavoro di 19 m, altezza 35 m) posandolo nel punto previsto nonostante le condizioni non ottimali dell'area di intervento, con piena soddisfazione di Alessandro Calabrese, ancora una volta entusiasta delle prestazioni della sua autogrù Demag AC 160-5.