Un sollevatore Wacker Neuson TH412 di Kilotou-Cofiloc sbarca sull'isola di San Giorgio

Un sollevatore telescopico frontale Wacker Neuson TH412 per la Fondazioni Cinii

Tronchetto, centro storico, Arsenale, Lido e isole della Laguna: la presenza di macchine del gruppo Kiloutou-Cofiloc è costante nella città di Venezia. In questo caso la meta è stata l'Isola di San Giorgio, dove ha sede la prestigiosa Fondazione Cini, polo culturale e centro di ricerca di valore internazionale. 

Protagonista della trasferta un sollevatore telescopico frontale Wacker Neuson TH412, il cui viaggio in barca è come sempre iniziato da una delle banchine di Porto Marghera. La Fondazione Cini ospita uno spazio espositivo permanente denominato “Le stanze del vetro”, dedicato all'arte vetraia moderna e contemporanea. Qui dal 6 settembre 2020 al 10 gennaio 2021 è aperta la mostra “Venezia e lo Studio Glass Americano”, che permetterà di ammirare 155 opere create da 60 artisti statunitensi e veneziani. Il piccolo sollevatore è stato noleggiato per il trasporto di delicati e pesanti manufatti in vetro nell'area espositiva, che si trova nell'ala ovest dell'ex Convitto.

Il noleggio del Wacker Neuson TH412, rispetto altri dei molti modelli della flotta dei sollevatori telescopici Kiloutou-Cofiloc, è stato consigliato innanzitutto dalle sue dimensioni, che ne consentono anche il trasporto su un rimorchio auto e l'impiego all'interno degli edifici o negli spazi ristretti in genere. Compatto e maneggevole – misura 1,56 m di larghezza per 1,94 m di altezza e un peso di 2.700 kg - permette di svolgere velocemente le operazioni di carico e scarico, con notevole risparmio di tempo. Le piccole dimensioni, però, non ingannino: il TH412 solleva e trasporta 1,2 t e offre ha un'altezza di sollevamento di 4,25 m.

Tutte le operazioni sono state eseguite in modo facile e sicuro, grazie alle quattro ruote sterzanti, il joystick e al sistema di assistenza VLS (Vertical Lift System), che oltre a spostare il carico in linea verticale, si attiva in caso di sovraccarico. Altro dato importante: il design user-friendly ed ergonomico della cabina, ha permesso all'operatore di lavorare comodamente, mantenendo sempre una visibilità panoramica del carico e dell'area di lavoro.