Unicredit supporta gli ambiziosi piani di crescita di Faresin Industries

Faresin Industries ha siglato con UniCredit un accordo per strutturare una nuova linea di credito da 5,5 milioni di euro

Implementare ulteriormente la già forte propensione all'innovazione per cogliere tutte le opportunità che il nuovo contesto globale può offrire, in ottica di crescita programmata: con quest'obiettivo di fondo Faresin Industries, realtà operativa nella produzione di carri miscelatori per la zootecnia, strumenti per l'analisi della razione e sollevatori telescopici per l'agricoltura e l'edilizia che commercializza in oltre 70 paesi nel mondo, ha siglato nei giorni scorsi con UniCredit un accordo per strutturare una nuova linea di credito da 5,5 milioni di euro. 

 

Il finanziamento, della durata di sei anni, è assistito dall'intervento di garanzia del Mediocredito Centrale e andrà a sostenere gli investimenti previsti dal piano di sviluppo industriale di crescita 2021-2026 dell'azienda vicentina. Le risorse finanziarie, così messe a disposizione, saranno impiegate per potenziare la produzione e l'organico, dando supporto all'internazionalizzazione e allo sviluppo di tecnologie green e digitali per i prodotti. 

 

Faresin Industries, azienda con sede a Breganze (VI) venne fondata nel 1973 dall'attuale Presidente del CDA Sante Faresin, che oggi guida assieme alle figlie Silvia (Vicepresidente) e Giulia (Operations Manager). La società, con un team di circa 200 persone, ha chiuso il 2020 con un fatturato che si attesta sui 50 milioni di euro, con una quota media export pari all'84% circa del totale, che l'hanno portata ad affermarsi come un brand sempre più globale e integrato nel quale la sostenibilità è la spina dorsale della strategia. 

 

Faresin Industries mette al centro il cliente, con soluzioni che promuovono da un lato il benessere animale e dall'altro un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata degli allevatori e degli operatori della movimentazione. Trasformazione digitale, potenziamento delle filiali all'estero, creazione di un nuovo polo industriale smart ad elevata efficienza energetica, innovazione di prodotto e di processi sono alcuni dei progetti che fanno parte del Piano Industriale Faresin 100. 

 

Dichiara Luisella Altare, Regional Manager Nord Est di UniCredit: “Il dinamismo che da sempre contraddistingue l'imprenditoria nordestina trova in Faresin Industries un esempio di eccellenza per capacità di innovare e di competere con successo sui mercati globali. Operazioni come questa sono la prova concreta della volontà di UniCredit di sostenere le nostre imprese nella riattivazione di nuovi percorsi di crescita”. 

 

Abbiamo un piano industriale che prevede investimenti per 50 milioni di euro nei prossimi otto anni – spiega Sante Faresin – da impiegare principalmente nei settori della ricerca e dell'innovazione prodotto, nei processi industriali e nelle strutture. Unicredit si è dimostrato un partner sensibile ai temi dell'eccellenza produttiva legata allo sviluppo sostenibile, che si concretizza nell'innovazione tecnologica 'made in Faresin' dove, grazie alla sinergia con il mondo accademico, tecnologie avanzate si fondono con le funzionalità richieste dal mercato. Con il risultato di proporre, già oggi, macchine intelligenti che garantiscano la redditività misurabile dell'agricoltura e dell'industria di domani. Questo importante finanziamento ci permetterà di crescere, migliorare e avanzare, raggiungendo i nostri ambiziosi obiettivi di sviluppo prodotto. Consentirà inoltre una rapida espansione commerciale, raddoppiando il numero di macchine realizzate e proponendo un'offerta sempre più ecosostenibile”.