CTE

CTE ZED 21.2 JHV

CTE ZED 21.2 JHV Piattaforme aeree CTE

Grazie alla sua semplicità d’utilizzo e alla sua versatilità, la piattaforma aerea autocarrata CTE ZED 21.2 JHV è il mezzo ideale per ottenere le massime prestazioni in diverse tipologie di applicazione: edilizia, manutenzione del verde, ristrutturazioni e pulizie di edifici. Il design ottagonale del braccio e l’impiego dell’acciaio Strenx SSAB garantiscono stabilità e rigidità del braccio in fase di lavoro, permettendo all’utilizzatore di lavorare in perfetta sicurezza ed ergonomia.
Garanzia di una notevole operatività in verticale. Possibilità di movimenti a “filo di piombo” in minor tempo: ideale per la pulizia delle facciate.
Il doppio pantografo agevola il superamento di barriere o pareti e permette di accedere con facilità ad aree difficilmente raggiungibili.
l sistema di controllo elettronico a CAN BUS utilizzato per CTE ZED 21.2 JHV offre maggior semplicità di utilizzo e un’elevata produttività.
La CTE ZED 21.2 JHV monta lo “S3 smart stability system”, innovativo sistema di limitazione geometrica delle prestazioni della macchina che si adatta in tempo reale alle condizioni di utilizzo, di carico e geometria, in maniera autonoma consentendo massime prestazioni ad ogni posizione del braccio. Grazie a questo sistema, sono facilitate le operazioni di piazzamento e la massima ergonomia in fase di lavoro. Il sistema è applicabile a stabilizzazione variabile.
Nella gamma CTE ZED, il cilindro di sfilo, gli impianti elettrici e idraulici sono all’interno del braccio, protetti da agenti atmosferici e detriti. L’impianto elettrico e le catenarie alloggiate all’interno del braccio sono al riparo dal rischio di impigliarsi ad altri elementi in fase di lavoro.
Grazie all’innovativo design della seconda postazione di comando, il pianale è completamente libero. Una console collegata tramite cavo permette il movimento della parte aerea in piena sicurezza per l’operatore e l’eventuale addetto in navicella, garantendo ottima visibilità. La seconda postazione di comando soddisfa i requisiti della norma EN 280:2013 duplicando i controlli di sicurezza già presenti nei comandi in navicella grazie alla presenza del pulsante di emergenza e dell’interruttore di start / stop del motore. Infine soddisfa i requisiti di selezione della postazione di comando al momento dell’inserimento della pulsantiera stessa nel pannello di controllo della piattaforma.



Foto