Tutto pronto per il Geofluid 2021!

Geofluid pianifica i futuri lavori nel settore delle perforazioni, delle fondazioni e del sottosuolo

Geofluid, manifestazione fieristica internazionale di particolare importanza per il settore del drilling&foundations, trova nuovi stimoli dalla crescente proliferazione dei temi di attualità per i visitatori professionali.

 

Geotermia, cantieri 4.0 del sottosuolo, nuove tecnologie trenchless, dewatering e acque sotterranee, transizione energetica, riduzioni delle emissioni in atmosfera e geoingegneria, nuovi materiali per il trasporto dei fluidi e nuove normative sui macchinari: sono i temi che sosterranno la parte espositiva di Geofluid 2021.

 

Specializzazione, attualità dell'aggiornamento professionale, focus sulle dinamiche nazionali costituiscono il valore aggiunto della manifestazione che consentiranno alle aziende espositrici di presentare, in piena sicurezza, le proprie attività nel migliore contesto espositivo possibile. L'edizione 2021 rappresenterà ancora di più un momento strategico per capire in che modo l'economia continentale, le commesse internazionali e i grandi lavori sulle infrastrutture pubbliche potranno generare indotto per il prodotto interno lordo.

 

La prossima edizione si appresta quindi ad essere momento importante per pianificare i futuri lavori nel settore delle perforazioni, delle fondazioni e del sottosuolo. Nel budget 2021-2027 dell'Unione Europea, gran parte delle risorse del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (ERDF) verranno indirizzate sulle misure relative all'ambiente: oltre 70 miliardi per energie rinnovabili, decarbonizzazione ed efficientamento energetico.

 

Geofluid rappresenta inoltre la vetrina espositiva del comparto legato alle risorse idriche. Il fabbisogno italiano di acqua per uso domestico, produttivo, pubblico e per esigenze legate ai servizi è pari ad un prelievo giornaliero di 25 milioni di metri cubi con l'oltre 80% derivante da fonti di acque sotterranee di cui oltre il 40% da pozzi (fonte Istat). Risulta del tutto evidente come gli scenari futuri saranno tendenzialmente legati alle risorse economiche in gioco per assicurare da un lato il mantenimento delle forniture idriche e dall'altro la tutela ambientale attraverso il ricorso sempre più importante alle energie rinnovabili come ad esempio la geotermia. Un particolare impegno poi sarà nella gestione del gas naturale attraverso le reti transeuropee. Grandi opere e impianti saranno oggetto di progetti e commesse del prossimo decennio per arrivare al 2050 con un continente europeo più pulito.

 

Geofluid 2021 vede già riconfermata la quasi totalità dei 280 espositori diretti per una edizione che vedrà coinvolto, grazie alla stagione favorevole, tutto il territorio al fine di offrire un'esperienza fieristica completa alle aziende partecipanti e ai visitatori professionali.