Un'autogrù Liebherr LTM 1120-4.1 con braccio lungo in raffineria in Sardegna

La nuova gru mobile Liebherr LTM 1120-4.1 è stata recentemente utilizzata dalla sarda Mintor

La nuova gru mobile Liebherr LTM 1120 4.1 dello specialista nella costruzione e assemblaggio di impianti industriali Mintor ha recentemente dimostrato i suoi punti di forza nei lavori di manutenzione in una delle più grandi raffinerie del Mediterraneo.

 

Con i suoi 66 m, la gru da 120 t offre il braccio telescopico più lungo della classe a 4 assi e capacità di sollevamento che in precedenza erano riservate alle macchine a 5 assi. 

 

La raffineria Sarlux nella zona industriale di Sarroch sulla costa sud della Sardegna, a ovest del capoluogo Cagliari, è una delle più grandi in Europa. A pochi chilometri si trova la sede dell'azienda Mintor, attiva nel campo della consulenza tecnica, produzione, montaggio e manutenzione di impianti industriali in molti settori dell'industria. L'azienda opera da oltre vent'anni nei settori petrolifero e del gas, petrolchimico, chimico, elettrico e alimentare. Le gru Mintor trovano un ampio campo di attività nella raffineria Sarlux: una delle loro gru mobili più recenti è la LTM 1120-4.1, caratterizzata da un design compatto e da un lungo e robusto braccio telescopico, quindi progettata in modo ottimale per il lavoro nell'industria petrolchimica.

 

Giorgio Aru, responsabile Acquisti in Mintor, afferma: “Apprezziamo la flessibilità e l'affidabilità della Liebherr da 120 t. La precisione dei movimenti della gru quando si lavora in impianti petroliferi è estremamente importante. Elevati standard di sicurezza sono fondamentali per la nostra azienda”. 

 

Per l'impiego sulla ciminiera della raffineria è stata richiesta un'altezza di sollevamento di 58 m. Il braccio telescopico di 66 m raggiungeva facilmente questa altezza, evitando così l'utilizzo delle estensioni tralicciate, normalmente montate per questo tipo di operazioni. Il sollevamento di solo mezza tonnellata con un raggio di 18,4 m è stato tutt'altro che impegnativo per la LTM 1120-4.1; dovevano essere montate solo 15,4 t di zavorra, circa la metà del contrappeso massimo possibile. Tuttavia, le condizioni difficili nella raffineria sono state una sfida. La possibilità di utilizzare una gru mobile compatta a 4 assi è stato un grande vantaggio. 

 

Con l'autogrù Liebherr LTM 1120-4.1, sono possibili impieghi che altrimenti renderebbero necessario un modello a 5 assi con relativa logistica maggiorata. Il veicolo a 4 assi presenta vantaggi in termini di omologazioni e permessi stradali, le pratiche autorizzative quindi hanno un processo più agevolato e flessibile. Il concetto costruttivo di un'autogrù a 4 assi permette anche di lavorare dove lo spazio non è sufficiente per macchine di maggiori dimensioni. Soprattutto nei cantieri ristretti le innovazioni di questa autogrù, Liebherr VarioBallast e VarioBase, garantiscono maggiori prestazioni, flessibilità e sicurezza. 

 

Il VarioBallast dell'autogrù LTM 1120-4.1 consente di operare con la gru con un raggio zavorra di 3,83 o 4,77 m. Se gli spazi non lo consentono, viene rapidamente e facilmente ridotto il raggio di 940 mm, ciò è possibile regolando con una rotazione prefissata i cilindri di zavorra standard. L'ampio raggio di zavorra offre vantaggi in termini di prestazioni e spesso anche in termini economici: grazie al risparmio dei costi di trasporto della zavorra. Molti lavori con la gru possono essere eseguiti con un contrappeso ridotto. La stabilizzazione variabile VarioBase garantisce un lavoro sicuro in ambienti di utilizzo ristretti. I carichi consentiti vengono calcolati in tempo reale con precisione in base alla situazione. In tal modo è possibile operare in sicurezza, sostanzialmente con qualunque base di stabilizzazione. 



 

 

  • EIMA

    FiereBologna (Italia) dal 19/10/2021 al 23/10/2021

  • ECOMONDO

    FiereRimini (Italia) dal 26/10/2021 al 29/10/2021

  • BATIMAT

    FiereParigi (Francia) dal 15/11/2021 al 19/11/2021

  • SMOPYC

    FiereSaragozza (Spagna) dal 17/11/2021 al 20/11/2021