Notizie \ Sollevamento \ Magni TH: record mondiale con il sollevatore telescopico RTH 6.51

Magni TH: record mondiale con il sollevatore telescopico RTH 6.51

23/11/2023

Pubblicato da Redazione Redazione

  • Magni TH: record mondiale con il sollevatore telescopico RTH 6.51

Magni TH ha recentemente lanciato sul mercasto il sollevatore telescopico RTH 6.51 che, raggiungendo i 51 m di quota, ottiene il record assoluto nel settore dei rotativi.

 

L’RTH 6.51 appartiene alla gamma RTH Magni di telescopici rotativi, ha una capacità massima di sollevamento 6 t ed è l’unico mezzo rotativo al mondo che può raggiungere i 51 m di altezza di sollevamento, quindi. Questa macchina ha la capacità di raggiungere e sollevare carichi ad altezze estreme, rendendolo adatto a grandi progetti edili (come edifici alti e ponti) e attività di manutenzione industriale. Le applicazioni principali dell’RTH 6.51 sono i lavori su tetti e facciate, strutture d’acciaio e grandi opere. Grazie alla sua capacità di sollevare fino a 16 piani è particolarmente indicato nelle grandi città, dove i carichi devono essere posizionati con precisione, anche in aree strette o difficili da raggiungere, grazie al suo ingombro ridotto e alla capacità di ruotare continuamente di 360°. Ciò che rende questa macchina unica è la sua versatilità, in quanto può operare sia come sollevatore telescopico che come gru, combinando i vantaggi di entrambe le macchine. Inoltre, il fatto di poter essere equipaggiata con un’ampia varietà di accessori come forche, benne, ganci, jib, argani e cestelli, la rende adatta a lavori che normalmente richiederebbero l’impiego di macchine diverse e di personale specializzato per ognuna di queste.

 

Un altro elemento di forza è rappresentato dalla sicurezza, priorità assoluta di Magni. Come per le altre macchine Magni TH, anche il sollevatore telescopico RTH 6.51 è dotato di tecnologia per gru, che consente agli operatori un monitoraggio in tempo reale lungo l’intero diagramma di carico durante il sollevamento, e di sensori che arrestano la macchina se l’operatore esce dall’area di sollevamento, consentendo di operare in tranquillità senza preoccuparsi di sovraccaricare la macchina. A seconda dell’attività da svolgere, dell’accessorio utilizzato e dal peso dei carichi, questo RTH 6.51 assicura risparmi economici e di tempo in quanto può svolgere anche il lavoro di una gru. Rispetto a quest’ultima offre numerosi vantaggi. Tra questi: costi di noleggio inferiori; allestimento e manovrabilità facilitati; risparmio sia in termini economici che di tempo (permette di evitare tutti gli adempimenti burocratici, la richiesta di permessi, i piani di sollevamento e l’assunzione di personale aggiuntivo legati al noleggio di gru); ottimizzazione delle tempistiche e dell’organizzazione del lavoro (riuscendo a operare indipendentemente dalla disponibilità di una gru); versatilità e potenza in una sola macchina; necessità di minore spazio.

 

Nei cantieri questa macchina è comunemente usata insieme ad attrezzature come piattaforme a braccio. In tal caso il telescopico Magni può sollevare o posizionare materiali, mentre un altro operatore con una piattaforma a braccio li installa o li fissa. Poiché il sollevamento avviene ad altezze così elevate può essere difficile per l’operatore in cabina avere una visibilità chiara a 50 m di altezza, ma grazie alla telecamera in testa braccio l’operatore può avere una visione migliore del posizionamento dei carichi. Un’altra caratteristica dei sollevatori telescopici rotanti Magni TH è la possibilità di usare la macchina tramite radiocomando. Con l’aggiunta di questa funzione l’operatore può manovrare la macchina dal 16° piano e posizionare in sicurezza i carichi a distanza, il che può rivelarsi particolarmente utile in ambienti difficili.

 

Trattandosi di lavori particolarmente complessi è essenziale considerare le esigenze specifiche del progetto e dell’ambiente operativo quando si sceglie un sollevatore telescopico, studiando nel dettaglio il tipo di intervento e assicurandosi che gli operatori ricevano una formazione adeguata per garantire la sicurezza e ottimizzare l’efficienza dell’attrezzatura.

Condividi ora